Tu sei qui
Home > Agropoli > AGROPOLI,SULL’ASSE LA PORTA-CACCAMO LA GUERRA AL SINDACO COPPOLA

AGROPOLI,SULL’ASSE LA PORTA-CACCAMO LA GUERRA AL SINDACO COPPOLA

Un’asse ben preciso e determinato quello La Porta(foto) presidente del consiglio comunale di Agropoli e Caccamo consigliere comunale grillino teso a dare scacco matto all’amministrazione guidata dal sindaco Coppola.Massimo La Porta è persona rispettabile e seria,amministratore di lungo corso dell’era Alfieri e protagonista della lunga stagione di successi degli ultimi dieci anni.La Porta non faccia il permaloso,questa è una valutazione politica e non un attacco personale.La scelta di Coppola sindaco fatta da Alfieri per La Porta è stato un tradimento dell’ex sindaco perchè voleva essere lui il candidato,pretesa legittima.Lo stesso La Porta non ha voluto ruoli in giunta ma ha voluto la presidenza del consiglio,ruolo politico e di garanzia ed è proprio dietro questa garanzia che La Porta sta nascondendo la sua azione.Massimo vuole fare il sindaco e questo è ormai palese.Dopo la mancata elezione di Alfieri e il crollo del PD le sue paure sono molto evidenti.Pensa alla scadenza di 2 anni 6 mesi e un giorno quando Franco Alfieri in termini di legge sarebbe candidabile e potrebbe tornare a fare il sindaco e a quella scadenza non vuole arrivare,spera di far cadere prima Adamo Coppola e proporsi alla guida di una coalizione per scalare i piani alti di piazza della Repubblica.Non a caso negli ultimi tempi ha intensificato la sua attività politica cominciando a interloquire con i candidati della sua lista e a formare un gruppo numeroso in consiglio comunale.La Porta però ha gettato la maschera durante gli ultimi consigli comunali quando ha dato la parola a più riprese al grillino durante l’impeto accusatorio dello stesso al sindaco di Agropoli al quale lo stesso La Porta ha tolto la parola quando tentava di difendersi dalle assurde accuse del movimentista dopo che questi aveva portato in consiglio comunale un argomento al quale si poteva rispondere anche con una lettera invece di farne parlare in consiglio comunale.Il regolamento del comune obbliga il presidente e il consiglio a discutere le interrogazioni prima che vengano affrontati gli argomenti all’ordine del giorno.E così si consuma il preliminare con accuse al veleno davanti alle telecamere delle dirette e dove il grillino sfodera le sue accuse al sindaco senza che il presidente fa rientrare il suo intervento nei limiti consentiti e dandogli la parola a più riprese facendo saltare ogni regola perchè poi non consente al sindaco di avere lo stesso tempo dell’oppositore.Tutto questo fa comodo a La Porta e lo indirizza,lo gestisce e tenta di capitalizzarlo a proprio piacimento.Se La Porta pensa che non lo abbiamo capito si sbaglia.L’intesa La Porta Caccamo regge,forse non c’è un accordo di parola tra i due ma avendo lo stesso obiettivo(l’abbattimento del sindaco Coppola) i due sono in perfetta sintonia.La Porta però può smentirci facilmente.Basta cambiare il regolamento,lo si fa in quattro e quattro otto.Si porta in consiglio la modifica al regolamento dove vengono spostate le discussioni alle interrogazione dopo i punti all’ordine del giorno quindi nel finale del consiglio comunale,il consiglio lo vota e si evita il teatrino a telecamere accese prima di ogni consiglio comunale e lo stesso consiglio può approvare i punti all’ordine del giorno.Se La Porta non fa questo i nostri dubbi diventeranno certezze e per lui sarà imbarazzante continuare a far finta di stare bene in una maggioranza che vuole abbattere utilizzando il ruolo di presidente.Sergio Vessichio

Comments

comments

Sergio Vessicchio
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: