Lady Diana, incredibile quanto successo il giorno prima della morte: il retroscena

Lady Diana, incredibile quanto successo il giorno prima della morte: il retroscena che sta circolando proprio in queste ultimissime ore. 

A fine mese di agosto si piangerà in tutto il mondo la principessa del Galles Diana Spencer, scomparsa venticinque anni fa a Parigi. Roberto Alessi, direttore di Novella 2000 ne ha parlato in tv, ospite del programma Estate in diretta. E ha rivelato alcuni fatti importanti sugli ultimi giorni della principessa.

Diana - www.cilentolive.com
La principessa del Galles Lady D (Ansa) – www.cilentolive.com

Durante il programma, Alessi ha dichiarato di essere stato l’ultimo giornalista italiano ad averla vista in vita. A quanto pare Alessi si trovava in Sardegna quando lei e Dodi Al-Fayed arrivarono in Italia. “La vidi a Cala di Volpe” racconta il direttore di Novella 2000. “Parlo del pomeriggio del 30 agosto di venticinque anni fa. Poi loro sono andati su un’auto blu a Olbia per prendere l’aereo e andare a Parigi dove è successo quello che è successo”.

Il giorno seguente, cioè il 31 agosto del 1997, Lady D sarebbe morta. Diana aveva da poco meno di due mesi compiuto trentasei anni. Spirò vittima di un incidente automobilistico sotto il tunnel del Pont de l’Alma a Parigi, insieme al compagno Dodi Al-Fayed. La loro auto, guidata dall’autista Henri Paul, si schiantò contro il tredicesimo pilastro della galleria per sfuggire ai paparazzi.

Alessi parla degli ultimi giorni di vita di Lady D

Lady Diana aveva trascorso nove giorno con Dodi al-Fayed a bordo dello yacht Jonikal del padre di Dodi, costeggiando l’Italia e la Francia. Il 30 agosto lasciarono la Sardegna alla volta di Parigi, dove poi decisero di fermarsi una notte a Parigi all’Hôtel Ritz, albergo di lusso di proprietà della famiglia al-Fayed.

Auto Lady D - www.cilentolive.com
Le immagini dell’incidente a Parigi (Ansa) – www.cilentolive.com

I paparazzi erano già in agguato. Così la coppia lasciò l’hotel per rifugiarsi un appartamento in rue Arsène Houssaye, sempre del padre di Dodi. Il capo della sicurezza dell’albergo Henri Paul volle accompagnarli di persona alla guida dell’auto. E pare che l’uomo fosse ubriaco.

Negli anni si sono diffuse moltissime teorie del complotto sulla morte di Diana. In tanti pensano che non si sia trattato di un incidente ma di un omicidio. Si tirano in ballo i Servizi segreti e la Royal family. Alessi, ovviamente, non ha mai commentato simili posizioni. Si è limitato a ricordare quella donna così affascinante e carismatica, che nessuno avrebbe mai potuto immaginare morta tanto presto. E in circostanze tanto tragiche.