Tu sei qui
Home > PROVINCIA DI SALERNO > Cilento, non solo provincia del mare pulito

Cilento, non solo provincia del mare pulito

È uno dei tratti di costa più belli d’Italia, come certificato anche l’annuale report di Legambiente e Touring Club Italiano, che ha decretato Pollica come uno dei mari più belli del nostro Paese. Ma il Cilento è un’area che vive tutto l’anno e che offre anche interessanti opportunità di investimento.

Agropoli, Sapri, Pollica, Camerota, Palinuro: già solo a leggere l’elenco delle località del Cilento si immaginano belle spiagge, mare pulito, cittadine graziose e panorami incantevoli. Non a caso, questo tratto di costa tirrenica, a sud di Salerno, è uno dei più famosi d’Italia, nonché uno dei più ambiti dai turisti, che nei periodo estivi scelgono di trascorrere le proprie vacanze in queste splendide località. A incoraggiare ulteriormente questi viaggi sono gli ottimi risultati che il mare cilentano sta ottenendo in questi anni, come nell’ultima “Guida blu, il meglio del mare e dei laghi in Italia”, la tradizionale ricerca svolta da Legambiente e Touring Club Italiano, che ha incoronato Pollica come uno dei mari più belli d’Italia, con la sua costa di Acciaroli e Pioppi, e consegnato ottimi voti e ben 5 vele anche a Camerota, mentre 4 vele è il risultato raggiunto, tra le altre località, da Castellabate, Capaccio-Paestum, Sapri, Centola-Palinuro.

Non solo turismo. Insomma, questa zona è una delle mete perfette per il turismo estivo. Ma non bisogna pensare che nel resto dell’anno ci sia una sorta di letargo, perché in realtà le varie cittadine si dimostrano particolarmente vivaci e attive anche sul fronte degli investimenti pubblici. Grazie al ricco database di Appaltitalia, il portale specializzato nelle informazioni a servizio delle imprese, abbiamo infatti scoperto un gran numero di appalti in Cilento, selezionando in questo articolo alcune delle principali occasioni tra bandi e gare avviati dalle Pubbliche Amministrazioni Locali, che possono servire come spunto a chi è interessato a operare nella Campania meridionale.

Albo dei fornitori. Una delle principali opportunità di entrare nel mondo degli appalti è offerta dai cosiddetti “albi dei fornitori“, ovvero l’elenco dei Fornitori aziendali che si propongono a sostegno delle necessità degli Enti Locali quando questi ultimi si trovano nelle condizioni di bandire gare inerenti a beni, lavori e servizi acquisiti mediante spese in economia. In genere, questa iscrizione è completamente gratuita per le imprese, e serve principalmente a entrare “nel giro”. Dal 1 gennaio di quest’anno, la procedura è interamente telematica, per rispondere da un lato agli obblighi normativi che impongono a tutti i Comuni di procedere nell’ottica della semplificazione, razionalizzazione e della celerità dell’azione amministrativa, senza penalizzare il tessuto produttivo locale, e dall’altro per ridurre gli oneri di produzione delle documentazioni standard di gara e i tempi di partecipazione agli operatori economici – imprese e professionisti, dando inoltre pubblicità delle loro peculiarità produttive. E così, il Comune di Vallo della Lucania ha attivato le procedure per la registrazione online alla piattaforma Asmecomm per gli operatori, tra i quali l’amministrazione opererà, a seconda delle proprie esigenze, in ciascuna delle sezioni previste della al fine di procedere all’affidamento di lavori, servizi e forniture. L’elenco si chiuderà a fine anno e sarà necessario un aggiornamento a partire dal 1 gennaio prossimo.

Opere programmate e forniture ospedaliere. Altro ambito importante per la vita dei piccoli Comuni è il piano triennale delle opere, che proprio in questo 2016 trova di frequente il termine temporale. Grazie ad Appaltitalia, scopriamo dunque che i Comuni di Vibonati, Castellabbate e Novi Velia, ad esempio, sono in fase di conclusione di programmazione e che hanno pubblicato anche l’elenco previsionale delle opere da realizzare entro il prossimo dicembre. Più concreta, invece, l’opportunità disposta dall’Azienda Ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona del capoluogo Salerno, inerente alla “conclusione di un accordo quadro biennale multi-operatore per la fornitura in conto deposito di endoprotesi vascolari 39 lotti”: l’importo infatti è di ben 3.275.600 euro per i due anni di contratto previsti dal bando.

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: