Tu sei qui
Home > Agropoli > Moncada Agrigento – Basket Agropoli: 73-56

Moncada Agrigento – Basket Agropoli: 73-56

Moncada Agrigento – Basket Agropoli: 73-56
Periodi: 1Q 26-16; 2Q 10-15; 3Q 21-9; 4Q 16-16.

Moncada Agrigento: Bucci 8, Buford 14, Cuffaro, Zugno 3, Evangelisti 12, Tartaglia A., Ferraro, Tartaglia M., Chiarastella 5,  De Laurentiis 14, Piazza, Bell-holter 9,  Coach: Ciani

Basket Agropoli: Santolamazza 10, Turel 14, Molinaro 8, Taylor 10, Langford, 7, Contento, Lucarelli, Carenza  7, Ndiaye, Amanti, Silvestri. Coach: Finelli

Arbitri: Boscolo, Marton, Yang Yao.

Basket Agropoli, trasferta amara in Sicilia

Il Basket Agropoli torna in Campania all’asciutto. La squadra di Finelli si è arresa al cospetto di Agrigento. Il roster di Ciani ha vinto per 73-56. Decisivi il primo ed il terzo quarto per i siciliani. Grande partenza per Piazza e compagni che aprono le danze con Buford. Mani fredde nei primi minuti per la squadra di Finelli, che trova i primi punti con una tripla di Molinaro. Ottimo impatto anche per la coppia americana a disposizione di Ciani, Buford e Bell-holter, che piazza la metà dei punti nella prima frazione. I cilentani cercano di ricucire subito lo strappo, trascinati dal capitano Santolamazza. I padroni di casa riescono, infatti, a limitare i giochi di Taylor e Langford, che non vivono una grande serata. Si va al primo riposo sul +10 (26-16). La seconda frazione si apre con una bomba di Carenza. Bucci segna per Agrigento, ma ancora Turel dai 6,75 e Langford dalla lunetta portano Agropoli a -4 (28-24). Agrigento riprende il comando della gara. Piazza, Buford e Bell-holter fanno volare i siciliani sul +11 (35-24 ). Suona la sveglia in casa Agropoli che accorcia lo svantaggio con Turel sugli scudi (35-31),  tanto da costringere Ciani a chiamare il time-out. Nell’ultimo minuto, errori da parte delle due squadre e si va così al riposo lungo sul 36-31, con i due americani di Agropoli ancora poco incisivi. Dopo il lungo riposo, nemmeno nel terzo periodo Agropoli riesce a raddrizzare la gara. Le percentuali al tiro restano bassissime. Poi, la gara è sospesa per alcuni minuti a causa di un black-out. Si riprende con Chiarastella che trova subito il + 13 su errore difensivo ospite. Terzo quarto in archivio con Evangelisti ad infilare il + 17: 57-40. Nell’ultimo periodo, continua la serata negativa per Agropoli che non trova né soluzioni offensive né regge in difesa. Al suono della sirena finale, il tabellone segna 73-56 per i padroni di casa che ottengono così la prima vittoria in A2 della stagione.

Dichiarazioni:

Alessandro Finelli (coach) – “Il primo pensiero va al nostro gruppo di  tifosi che si è sobbarcato un viaggio tosto per sostenerci e onestamente non abbiamo ripagato nel modo giusto il loro affetto e la loro vicinanza, giocando una partita globalmente mediocre. Diciamo che tutta la partita è girata attorno alle nostre percentuali di tiro 20/71 da 2, con una percentuale di questo tipo non si va da nessuna parte, frutto di una nostra  mancanza di fisicità per sfruttare al meglio i vantaggi contro la loro difesa. Onestamente, sappiamo fi essere un cantiere aperto, ma è pur vero che abbiamo fatto due passi indietro rispetto alla prima partita di campionato. Volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, si può sottolineare il fatto che nei primi due quarti, nonostante le percentuali siano state basse, siamo stati  a contatto con Agrigento rimanendo a 4 punti”.

Antonio Vuolo
Ufficio Stampa Basket Agropoli

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: