Tu sei qui
Home > Agropoli > Agropoli ascolta Agropoli: si apre il cantiere delle proposte e delle idee per la città

Agropoli ascolta Agropoli: si apre il cantiere delle proposte e delle idee per la città

“E’ la prima volta che ad Agropoli si vive un processo di cittadinanza attiva così aperto e partecipato”, con queste parole Angela Russo ha dato il via all’assemblea pubblica che si è svolta domenica 16 ottobre presso l’Oratorio San Giovanni Paolo II e che ha visto, in una sala affollata, alternarsi e prendere la parola semplici cittadini, rappresentanti di quartiere, esponenti politici locali e i consiglieri comunali di Agropoli Agostino Abate, Emilio Malandrino e Vito Rizzo.

20161016_174052-300x180 20161016_174058-300x180
Come ha illustrato lo stesso Abate nel suo intervento conclusivo “questo percorso partecipato, che nasce dal basso senza etichette di partito, vuole raccogliere attorno a tre simboli civici le migliori esperienze presenti in città per dare una risposta all’arroganza del potere di questa Amministrazione comunale.” Sullo sfondo, nel maxi-schermo, insieme alle sintesi degli interventi aggiornate in tempo reale, campeggiavano i simboli delle liste civiche “Agropoli Libera”, “Agropoli al centro” e “La Nostra Agropoli”
Al centro del dibattito le problematiche legate alle diverse zone della città e la vicenda dell’Ospedale di Agropoli, secondo le opinioni dei cittadini intervenuti, “una negligenza politica evidente che cade sulle spalle del governatore Vincenzo De Luca e del Sindaco Franco Alfieri che non possono non assumersi le loro responsabilità” e del Lido Azzurro “un Paradiso trasformato in cloaca”.
I consiglieri comunali Vito Rizzo ed Emilio Malandrino hanno sottolineato le continue prove di forza e la prepotenza dell’attuale maggioranza che mortifica il confronto dialettico e democratico, illustrando diverse tematiche amministrative che stanno compromettendo il futuro della città: dall’indebitamento alla vicenda autovelox, dai lavoratori precari all’emergenza sicurezza.
Due ore di dibattito al quale hanno portato il loro contributo di proposte e di idee Raffaele Piccolo, Michele Abate, Rosanna Cantalupo, Giovanna Nasto, Pippo Campanella, Gerardo Tafuri, Annarita Spira, Alessandra Giuliano, Paolo Caputo, Roberta Morrone e Mario Capo.
Erano presenti, tra gli altri, tre ex sindaci di Agropoli, Paolo Caputo, Florigi De Feo e Bruno Mautone, nonché l’ex primario dell’Ospedale di Agropoli Franco Scognamiglio.
Un appuntamento che si rinnoverà nelle prossime settimane per consentire alle energie presenti in città di confluire in una comune proposta civica alternativa all’attuale maggioranza di governo.

via

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: