Tu sei qui
Home > Agropoli > DELITTO DI CASTELLABATE,12 ANNI ALL’EX FERROVIERE DI AGROPOLI LIBERATO MICCOLI,PICCHIO’ LA MOGLIE FINO A FARLA MORIRE

DELITTO DI CASTELLABATE,12 ANNI ALL’EX FERROVIERE DI AGROPOLI LIBERATO MICCOLI,PICCHIO’ LA MOGLIE FINO A FARLA MORIRE

I pm avevano chiesto una condanna più grave.Liberato Miccoli l’ex ferroviere di Agropoli è stato condannato a 12 anni di carcere perchè  nel maggio del 2015, picchiò la moglie Angela Della Torre, madre di 4 figli, fino a causarne la morte, avvenuta sette mesi dopo, per le gravi lesioni riportate dalla donna.
I giudici della Corte d’Assise di Salerno hanno condiviso la tesi dell’omicidio preterintenzionale sostenuta dal pm Paolo Itri della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, che aveva chiesto una condanna a 15 anni per l’ex ferroviere arrestato, il 23 maggio 2017, a Santa Maria di Castellabate, dai carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretti dal cap. Francesco Manna. L’uomo, da allora, si trova ristretto nel carcere di Vallo della Lucania. Il provvedimento restrittivo scaturì da un’attività investigativa avviata, nel maggio del 2015, dai militari della Stazione di Santa Maria di Castellabate, a seguito delle gravi lesioni riportate dalla moglie, deceduta proprio a causa delle stesse il 29 dicembre 2015, presso una struttura riabilitativa di Telese Terme.
L’indagine, infatti, fece emergere che Miccoli, pochi giorni prima, il 20 maggio 2015, durante una lite scaturita per futili motivi all’interno dell’abitazione familiare, avrebbe ripetutamente percosso la donna procurandole un violentissimo trauma cranico. L’uomo, però, chiamò i soccorsi e questo gesto gli ha evitato un’imputazione per omicidio volontario, deponendo a favore dell’imputato anche in merito alla riduzione della pena derivata dall’applicazione di attenuanti generiche. Angela Della Torre, dopo essere stata ricoverata presso l’ospedale di Vallo della Lucania in gravissime condizioni, fu successivamente trasferita presso la struttura medica riabilitativa del Beneventano dove poi è deceduta. Dall’esito dell’autopsia e dai successivi approfondimenti investigativi emersero gravi indizi a carico del marito e fu accertata anche una serie di ripetute violenze subite dalla donna nel corso degli anni.

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: