Tu sei qui
Home > Agropoli > ALLARME SICUREZZA,PAESTUM CHIEDE L’INTERVENTO DEL MINISTRO SALVINI AGROPOLI SI ACCODA

ALLARME SICUREZZA,PAESTUM CHIEDE L’INTERVENTO DEL MINISTRO SALVINI AGROPOLI SI ACCODA

A Capaccio Paestum l’allarme sicurezza ha superato il livelli di guardia.Gli ultimi casi fanno riflettere sulla necessità di dotare il territorio di una blindatura affinchè si possa proteggere l’area dai continui attacchi criminosi.A tal proposito Enzo Sica esponente locale di Forza Italia ha diramato un comunica nel quale invita Salvini,ministro degli interni a Capaccio Paestum,questo è il testo del comunicato:”Emergenza Sicurezza a Capaccio :gravissima la situazione di pericolo sociale, e indecorosa l’assenza della pubblica amministrazione, nonostante gli annunci di programmi faraonici di tutela del territorio, bluff su bluff,
CHIEDIAMO L’INTERVENTO DEL NEO MINISTRO SALVINI.Si diano mezzi e strumenti idonei alle forze dell’ordine in trincea con grandi difficoltà. Oramai temiamo per l’incolumità dei nostri figli.
Faccio appello agli amici Salviniani del nostro territorio che possano richiedere un intervento celere, anche in vista della stagione turistica oramai alle porte.”La situazione rischia di degenerare.L’Amministrazione comunale retta dal sindaco, Franco Palumbo, ha approvato il progetto esecutivo, denominato ‘Capaccio Paestum Sicura’: redatto dall’ing. Gianvito Bello, prevede il potenziamento dell’impianto di videosorveglianza esistente attraverso attività di manutenzione e di sostituzione delle 35 telecamere già presenti nonché l’installazione di altre 71 telecamere, per un totale di 106 ‘occhi’ che garantiranno un adeguato controllo su tutto il territorio comunale, così da aumentare i livelli di sicurezza e di decoro urbano.
Il progetto esecutivo, per un importo di circa 1,1 milioni di euro, prevede la distribuzione delle nuove telecamere nei punti di maggiore interesse – concordati tra Amministrazione comunale, Polizia Municipale e Consulta Comunale per la Sicurezza Urbana – selezionati sulla base della particolare rilevanza negli aspetti della sicurezza, del decoro urbano e/o del rischio ambientale, dovuti ai comportamenti illeciti.Tutto questo non basta.La delinquenza colpisce in maniera copiosa soprattutto nell’area archeologica.Per Enzo Sica il comune non riesce a dotarsi delle giuste contromisure perciò chiede l’intervento del viminale.A Capaccio Paestum si accoda Agropoli.L’amministrazione non reagisce agli attacchi provenienti dai cittadini,furti,scassi,corse di auto e moto con meccanici che truccano i mezzi e  le marmitte rumorose e veloci strombazzano incontrastate in città a tutte le ore.L’amministrazione comunale è assente,ferma,inerme,non pone rimedio,non si attrezza e lascia fare e la gente non ne può più.Il sindaco non organizza una task force con tutte le forze dell’ordine coordinate fra di loro per mettere un freno all’illegalità diffusa in tutto il  comune,non porta in giunta provvedimenti capaci di limitare i pericoli in città.Agropoli una volta era la capitale del Cilento oggi è la capitale dell’illegalità.Basti pensare che si è concessa l’autorizzazione a fare una tre giorni di atletica sul campo sportivo senza i permessi e senza che la commissione provinciale sugli spettacoli pubblici abbia dato il via libera.Basti pensare che finanza manifestazioni molte delle quali illegali come può porre contrasto alla mancanza di sicurezza?E quindi sulla scia di Capaccio Paestum alcuni cittadini locali esasperati vogliono mandare una petizione al nuovo ministro degli interni per invitarlo e per cercare di porre rimedio all’illegalità diffusa nel comune di Agropoli come a Capaccio Paestum.Lo scopo è quello di arrivare all’istituzione di un commissariato di polizia tra Agropoli e Capaccio Paestum per cercare quanto meno di dare forza all’azione di contrasto dell’illegalità,chiedere un rafforzamento dei carabinieri pochi e costretti a coprire una tenenza grandissima.Sergio Vessicchio

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: