Nuovo bonus di 150 euro in busta paga: a chi spetta

A novembre nuovo bonus una tantum direttamente in busta paga per sopperire al caro bollette

Dal Decreto Aiuti ter nuovo bonus che si riceverà in busta paga a novembre. Un nuovo sussidio una tantum per far fronte al caro bollette. Sono 14 i miliardi di euro totali stanziati dal decreto ai fini di aiutare famiglie e imprese.

Nuovo bonus di 150 euro in busta paga a novembre(pixabay) cilentolive.com 180922
Nuovo bonus di 150 euro in busta paga a novembre(pixabay) cilentolive.com

Il nuovo bonus prevede l’aiuto, con un contributo di 150 euro, di pensionati, lavoratori e autonomi. Ci si focalizza ancora una volta sul caro energia: i prezzi hanno subito un’impennata e per questo bisogna sostenere la cittadinanza con un nuovo bonus. Il bonus sarà destinato a 22 milioni di persone.

Bonus una tantum 150 euro in busta paga a novembre e dicembre

Sì, 22 milioni di persone saranno destinatari del bonus una tantum 150 euro. Un supporto economico ricolto ai percettori di un reddito fino a 20 mila euro lordi all’anno. Ad averne diritto, secondo quanto emerso, anche i pensionati e i lavoratori autonomi.

 Nuovo-bonus-di-150-euro-in-busta-paga-a-novembrepixabay-cilentolive.com-180922

Nuovo-bonus-di-150-euro-in-busta-paga-a-novembrepixabay-cilentolive.com

Riceveranno il bonus i lavoratori che a novembre avranno uno stipendio che non supererà la cifra di 1.538 euro. Basta aver svolto, poi, nell’anno 2021 almeno 50 giornate di lavoro, quindi lavoratori a tempo determinato, intermittenti o stagionali.

Anche chi percepisce il Reddito di Cittadinanza riceverà tale bonus. Non bisogna superare i 20 mila euro di reddito annuo, riceveranno il bonus anche i dottorandi e assegnisti, co.co.co., lavoratori domestici, chi percepisce indennità di disoccupazione agricola, lavoratori dello spettacolo, i lavoratori di Sport e Salute spa. Un bonus che sarà – con molta probabilità – percepito anche a dicembre prossimo. Il bonus sarà erogato dall’Inps e si troverà direttaente in busta paga. Ed è rivolto anche ai nuclei familiari beneficiari del reddito di cittadinanza, ai titolari di assegno sociale o di pensione. Anche coloro che percepiscono invalidità civile e di trattamenti di accompagno alla pensione saranno destinatari del bonus, così anche gli autonomi.