“È morto a 36 anni”, terrificante confessione di un’ex concorrente di Ballando con le Stelle

Una ex concorrente di Ballando con le Stelle ha sconvolto il pubblico televisivo con la sua ultima confessione. “È morto a 36 anni…“, rivela. E poi parla della sua infanzia tormentata e della sua famiglia disfunzionale.

Ieri, 13 settembre 2022, a Rai 1, la sessantunenne Paola Ferrari ha sconvolto il pubblico del talk Oggi è un altro giorno con una serie di confessioni drammatiche a proposito del proprio passato. Senza inutile retorica ed edulcorazioni, la presentatrice e volto storico del giornalismo sportivo italiano ha parlato della propria infanzia da incubo, minata da un padre assente, una madre afflitta da gravi problemi mentali e segreti importanti.

Ballando con le Stelle - www.cilentolive.com
La confessione di un’ex protagonista di Ballando con le Stelle – www.cilentolive.com

La Ferrari ha raccontato di una situazione familiare insostenibile. Sua madre aveva dei problemi mentali ed era molto violenta. “Sono stata una bambina che è cresciuta nella paura. Sono molto legata a tutti i bambini che possono avere paura nel mondo, per vari motivi. La paura in un bambino è difficilissima da gestire…“. E, di fatti, la giornalista rivela di come vivesse nel terrore di tornare a casa, perché veniva picchiata ogni giorno. Anche sua nonna, molto anziana, subiva vessazioni fisiche. “Vedevamo questa forte violenza quotidiana. Mia madre era molto violenta“. Fino a che punto?

La conduttrice, che tra le altre cose ha partecipato nel 2005-2006 a Ballando con le Stelle, non si è censurata e ha offerto al pubblico di Serena Bortone un quadro chiaro della situazione vissuta. “Non è bello da ricordare, i dettagli sono brutti”, ha detto. Poi ha spiegato che la madre ha tentato più volte di ucciderla. “Una volta ha cercato di annegarmi, poi altre cose. Io dico sempre che vedevo il diavolo nei suoi occhi, perché sono convinta che al di là della lettura medica c’è qualcosa che non è spiegabile“.

E dopo il racconto sull’infanzia difficile, Paola Ferrari ha anche rivelato un segreto che ancora le pesa sul cuore. Pare infatti che la conduttrice abbia scoperto solo pochi anni fa di avere un fratello. Purtroppo, però, non potrà conoscerlo. “Una persona mi ha detto che è morto a trentasei anni”.  La situazione è tanto inspiegabile quanto dolorosa. “Io sono figlia unica e ho sempre sognato di avere un fratello, maschio, con cui condividere il mio dolore”, ha dichiarato la giornalista, conduttrice televisiva ed ex politica italiana, attiva in Rai dagli anni ’90.

La confessione di Paola Ferrari, ex protagonista di Ballando con le Stelle: la madre violenta e il fratello segreto

Scoprire all’improvviso di avere un altro fratello è stato per la Ferrari uno dei momenti più felici ed emozionanti della vita. “Sì, è stato il momento più felice della mia vita dopo la nascita dei miei figli e il matrimonio”, ha confessato Paola. Ma la gioia è durata pochissimo, perché dopo aver saputo dell’esistenza di Simone (così si chiamava l’uomo), ha anche scoperto che era già deceduto.

Paola Ferrari - www.cilentolive.com
“Vedevo il diavolo negli occhi di mia madre…”, le parole allucinanti della Ferrari in tv (Instagram) – www.cilentolive.com

Di più non dice, la Ferrari, perché non vuole arrecare dolore ad altre persone. E, quindi, su invito della conduttrice di Oggi è un altro giorno, per non incupirsi, ha cominciato a parlare di un argomento più felice. Quello dell’amore che la lega da anni a Marco De Benedetti. Nel 1997, infatti, Paola sposò Marco, figlio di Carlo De Benedetti, ex amministratore delegato di TIM e attuale capo del Gruppo Carlyle. Lei e Marco hanno avuto due figli: Alessandro e Virginia.

Sul marito ha rivelato: “Mi avevano detto che era uno scapolo tremendo, uno sciupafemmine, che dopo sei mesi sarei stata a piangere sulla spalla di qualcuno. Invece dopo sei mesi ci siamo sposati“. E come l’ha conquistata? “Con l’educazione… e poi era sempre un pizzico davanti a me. Pensavo a una cosa e lui già ci era arrivato e questo su di me ha un fascino incredibile, più dei pettorali, dove magari dovrebbe lavorare un po’ di più“.