Andrea Delogu-Stefano De Martino, confessione inaspettata: nessuno lo avrebbe immaginato

Zitta Zitta, Andrea Delogu può dire di aver brillantemente concluso il suo cursus honorum televisivo. Ormai è una star, destinata alla conduzione di programmi importanti.

Da lettonza a Mai dire domenica fino a brillare come presentatrice dello spettacolo musicale della Rai Tim Summer Hits (oscurando, dicono molti, il collega De Martino). Ci sono voluti vent’anni… ma adesso nessuno la ferma più.

Bella e simpatica. Fresca ed effervescente, come l’acqua che sgorga pura dalla fonte, Andrea Delogu ha un solo difetto evidente: non riesce a dissimulare l’aria di chi si impegna troppo per emergere. Fa troppe bollicine, insomma… Sembra sempre tesa, corpo e mente, a rivelare genuinità ed entusiasmo, un po’ sul modello della Hunziger. E ciò la pone sovente in una linea d’ombra: tra l’istituzionale e l’alternativo, il mendace e il verace.

Ma come si fa a resisterle? Sui social sono tutti pazzi di lei. Le sue foto sensuali (sempre più audaci dopo la separazione dall’attore Francesco Montanari) incantano i follower. I suoi tweet sono sempre witty e sul pezzo… È brava in radio, è brava come spalla in tv. È bravino come scrittrice. Ha una storia personale davvero interessante da raccontare. E ora ha dimostrato anche di essere a suo agio come prima donna.

È al pari con De Martino: come Andrea Delogu si sta imponendo come volto televisivo del futuro

La Rai sta puntando molto su Stefano De Martino, cui affida programmi su programmi. È di sicuro il presentatore su cui l’azienda investe per il futuro. E non è però un caso che quest’estate De Martino abbia condiviso la conduzione di Tim Summer Hits con la gassata Andrea (naturale o addizionata, non lo abbiamo capito).

Delogu lato b - www.cilentolive.com
Andrea in costume (Instagram) – www.cilentolive.com

Su Dipiù TVPlatinette, da scafata opinionista, ha notato e sottolineato i meriti artistici di Andrea Delogu. A suo giudizio, vale per la Rai quanto De Martino. E nello show musicale lo ha mostrato rivelando spigliatezza e intraprendenza.

“La Delogu” spiega Platinette, “ha ormai pareggiato la popolarità di Stefano De Martino, che è uno dei re di questa stagione televisiva. È disinvolta e spigliata, poi ha ritmo e sa parlare bene davanti alle telecamere…”. Dunque anche Plati ne è certa: ad Andrea appartiene il futuro.

E su chi maligna a proposito di scontri e gelosie o, al contrario, di una forte e malcelata simpatia, fra la Delogu e De Martino, Platinette risponde che si tratta di due professionisti. Giocano a sgomitare e a punzecchiarsi, ad ammiccare e a solleticare il pubblico, come nella migliore tradizione televisiva. Nulla di più. O di meno.

Alla mano e poi vamp, indifesa e poi conturbante, vecchio stile e vicina ai Millennial, modesta e audace, Andrea sa essere trasversale e attraente, proprio perché difficile da inquadrare. Nessuno avrebbe immaginato vent’anni fa che sarebbe arrivata così in alto. Ma se è lì, è perché se lo merita.