in

Prestiti aiuti imprese 2022: ecco le misure adottate dal governo

Negli ultimi anni gli aiuti imprese da parte dello Stato sono stati ingenti. Lo Stato ha disposto infatti con diversi decreti dei bonus imprese per supportarle e risollevarle dopo la crisi dovuta all’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Uno degli ultimi decreti in materia di finanziamenti per imprese è stato il decreto Sostegni con il quale il governo ha messo a disposizione delle grandi aziende 200 milioni di euro. Nel corso dello scorso mese questo decreto è stato poi rinnovato con il decreto Sostegni Ter.

Vediamo quali sono i requisiti per accedere a questo contributo imprese, di che tipo di prestiti si tratta e come proseguirà questa situazione economica del nostro Paese.

Finanziamenti imprese e aiuti di Stato

Il finanziamento introdotto grazie al decreto Sostegni è un’agevolazione impresa e non un incentivo a fondo perduto. Per accedere al fondo di 200 milioni le aziende devono avere alcuni requisiti: un fatturato di oltre 50 milioni oppure almeno 250 dipendenti.

Si tratta di prestiti concessi alle grandi imprese che dovranno essere restituiti in un massimo di 5 anni. Hanno garantito la continuità produttiva ed economica di imprese che hanno avuto difficoltà economiche negli ultimi due anni a causa della pandemia.

La gestione di questi aiuti spetta al Ministero dello sviluppo economico che ha istituito un fondo che può essere accessibile solo da aziende che non si trovavano in una situazione di crisi prima dell’emergenza sanitaria ed economica attuale.

Questi aiuti di Stato e finanziamenti alle imprese sono finalizzati a riattivare gli impianti, a completare le attrezzature necessarie ed a riprendere la gestione corrente. Se non si potesse prevedere il rimborso da parte dell’impresa che riceve questo finanziamento l’incentivo non potrebbe essere concesso.

Nuovi contributi a fondo perduto imprese: aiuti imprese 

Gli incentivi Italia non finiscono qui. Il nuovo decreto ha introdotti infatti nuovi finanziamenti piccole e medie imprese e finanziamenti per nuove imprese.

Infatti, a Gennaio di quest’anno il Governo Draghi ha introdotto il decreto Sostegni Ter con nuove misure e altri finanziamenti aziende. Il fondo stanziato ammonta a 3,5 miliardi di euro per il miglioramento e il sostegno delle imprese, dei lavoratori, della salute e dei servizi nazionali.

La maggior parte di questi contributi, a differenza del precedente decreto per le grandi imprese, sono aiuti a fondo perduto per imprese volti ad incentivare la crescita della sostenibilità ambientale delle nostre imprese su territorio italiano.

Il Ministero dello sviluppo economico ha stanziato infatti circa 750 milioni di euro per un progetto a fondo perduto di crescita sostenibile delle aziende italiane. Questi investimenti sono finalizzati a progetti di ricerca e innovazione delle imprese per convertirle in industrie green ed ecologiche.

Inoltre, il Governo ha destinato parte di questi aiuti economici anche ai bonus edilizi, oggetto negli ultimi mesi di una disciplina anti-frode. Il Superbonus, quindi, riceve una modifica ma continua ad essere concesso per la ristrutturazione di case ed edifici.

Altri settori ai quali sono destinati gli aiuti e gli incentivi di Stato 2022 sono: commercio al dettaglio, commercio di prodotti tessili e calzaturieri, turismo, discoteche, cinema, musei, sport, trasporto pubblico locale e nazionale, ristorazione catering e bar e parti tematici tra cui zoo, acquari e parchi a tema.

What do you think?

figenpa

Prestiti figenpa 2022: recensioni, interessi, contatti

comprare nuovo o ristrutturare

Comprare nuovo o ristrutturare? Le preferenze degli italiani nel 2022