capo-palinuro-dove-si-trova-hotel-spiagge-meteo-le-sue-grotte

Capo Palinuro, dove si trova? Hotel, spiagge, meteo, le sue grotte

Natura, leggenda, storia, mitologia, mare cristallino, vita notturna, divertimento, ottimo cibo: Palinuro è tutto questo, un luogo eccezionale che costituisce una delle mete turistiche più vivaci e frequentate della penisola. Un luogo magico, la cui origine si perde nel mito. Il nome di questa suggestiva località, immersa nel cuore del Cilento, risale ai tempi della fondazione di Roma. Capo Palinuro, infatti, prende il nome dal nocchiero di Enea, annegato nelle incantevoli acque di questo tratto di costa.

Palinuro dove si trova

Capo Palinuro è un maestoso promontorio roccioso incastonato come un gioiello, tra il golfo di Policastro e Velia. Le spiagge di Palinuro sono tra le più ambite della Campania, e non solo, il paese d’estate si riempie di giovani e di turisti, in arrivo da tutta Italia, e anche dall’estero, ansiosi di godersi il mare cristallino e immergersi nella frenetica vita notturna della zona, ricca di locali e discoteche. Ma la storia che dà origine al nome di capo è estremamente suggestiva, e vale la pena di essere raccontata.

Mare Palinuro

Il promontorio di Capo Palinuro deve il suo nome al leggendario nocchiero di Enea, vittima delle circostanze, sacrificato agli dei per propiziare la riuscita dell’impresa dell’eroe troiano, destinato ad essere il fondatore di una delle più importanti città del mondo allora conosciuto, Roma. Venere, madre di Enea, si era rivolta a Nettuno, Dio del mare, affinchè vegliasse su suo figlio durante tutto il percorso che lo avrebbe portato fino alle coste del Lazio.

Capo Palinuro spiagge

Poseidone, però, chiese in cambio una vittima sacrificale, e questo triste destino toccò proprio al nocchiero Palinuro, che precipitò in mare proprio mentre la nave degli esuli troiani transitava nelle vicinanze dell’immenso costone roccioso. Il timoniere, però, riuscì a sopravvivere alla caduta e a trascinarsi fino alla riva. Ma il volere degli Dei doveva compiersi, e così lo sfortunato marinaio venne ucciso dagli abitanti del luogo, che lo avevano preso per un mostro emerso dalle acque.

Grotte di Palinuro

Dal mito alla vita reale, le spiagge a Palinuro sono tra le più frequentate dell’intera Campania. Sabbia bianca e mare cristallino, per gli amanti del mare c’è solo l’imbarazzo della scelta. Ma per chi vuole immergersi davvero nelle bellezze naturalistiche della zona, dal porto di Palinuro è possibile affittare un’imbarcazione e andare alla scoperta delle incantevoli grotte e del suggestivo arco naturale.

Grotta azzurra Palinuro

La più famosa delle cavità naturali, che si alternano alle incantevoli spiagge Palinuro, è certamente la Grotta Azzurra, che deve il suo nome al particolare colore delle sue acque, frutto di un particolare effetto ottico, generato dalla luce del sole che si insinua tra le rocce. Altre grotte Palinuro sono la Grotta dei Monaci, la Grotta Sulfurea e la Grotta del Sangue, chiamata così a causa del colore rosso che caratterizza le pareti interne.

Palinuro spiaggia

Una delle attrazioni di Palinuro, sono le numerose spiagge, dalle Saline a quella di Molo dei Francesi, fino all’incantevole Baia del Buondormire, raggiungibile solo in barca oppure, ancora, la spiaggia della Marinella o quella della Molpa, entrambe situate nei pressi del fiume Lambro. Capo Palinuro è il posto ideale per chi ama il mare e la natura, ma attenti: potreste non avere più voglia di tornare a casa!