Tu sei qui
Home > PROVINCIA DI SALERNO > Sensazionale scoperta all’Università di Salerno

Sensazionale scoperta all’Università di Salerno

Un team di studiosi del dipartimento di farmacia dell’Università di Salerno, nell’ambito di una collaborazione internazionale con le università della California e di Zurigo, ha scoperto come creare una pelle artificiale. L’ingrediente base utilizzato per ottenere il prezioso, e finora unico, surrogato è la pectina. Essa è una sostanza naturale estratta dal tessuto cellulare delle piane e dei frutti, nota perché comunemente utilizzata quale addensante per confetture e marmellate. La ricerca effettuata dal team operante verso l’ateneo ippocratico, partendo dalla pectina, ha portato allo sviluppo di una pelle artificiale, consistente in un rivestimento molto sottile trasparente e flessibile, ma soprattutto in grado di rilevare la temperatura ed eventuali suoi cambiamenti. Tale membrana apre diverse opportunità di sviluppo nel settore biomedico, consentendo un utilizzo come struttura di rivestimento o anche come termorilevatore nel caso di un applicazione sulle ferite, per segnalare un’infezione in atto. A dare risalto alla singolarità della scoperta è il fatto che la pectina da oltre settanta anni è oggetto di studio della ricerca farmaceutica, ma nessuno prima aveva rilevato le proprietà che consentono di generare la pelle artificiale. A capitanare la squadra di giovani scienziati autori della scoperta è stato l’esperto professore Bruno   Maresca, docente e studioso di microbiologia. Completano il team la professoressa Chiara Daraio, docente di ingegneria meccanica e fisica applicata, e i tre giovani ricercatori Raffaele Di Giacomo, Luca Bonomi e Vincenzo Costanza.

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: