Tu sei qui
Home > POLITICA > ​Riabilitazione delle aziende protestate: la Camera ha approvato l’ ordine del giorno di Sabrina Capozzolo 

​Riabilitazione delle aziende protestate: la Camera ha approvato l’ ordine del giorno di Sabrina Capozzolo 

Al debitore, che abbia adempiuto regolarmente alle obbligazioni per le quali erano stati elevati dei protesti e per il quale non siano subentrati ulteriori protesti, trascorso un anno dall’omologazione del piano di rientro, deve essere attribuito il diritto alla #riabilitazione, superando di fatto il buco legislativo attuale riguardante gli assegni protestati. È questo il contenuto del mio #ordinedelgiorno, che oggi la Camera dei Deputati ha approvato.

Il mio provvedimento è figlio delle istanze provenienti da aziende di tutto il territorio nazionale ed, in particolare, da numerose aziende del mio #Cilento che non riescono a riabilitarsi pur essendo regolari nei pagamenti dopo l’avviamento del piano di rientro da protesti. Questo provvedimento vuole dare un aiuto concreto alle imprese in difficoltà. Dobbiamo liberare le nostre aziende dai #legacci della #burocrazia che spesso le soffoca. Del resto, il compito della #politica è mettersi in sintonia con le persone e dare risposte ai loro problemi. Ad oggi, infatti, secondo le modalità previste dalla legge vigente, realizzando un piano di rientro approvato dalla maggioranza dei creditori ed omologato dal tribunale, non vi è possibilità di riabilitazione, là dove sorge il problema del rimborso degli importi degli assegni protestati, anche quando suddetti assegni rientrano nel piano approvato ed omologato, che ne prevede la decurtazione e il riscadenziamento.

Grazie a questo mio emendamento, tante aziende potranno, finalmente, superare un ostacolo non indifferente e dedicare le proprie energie alla produzione, garantendo lavoro e benessere alle persone ed al territorio. Ne sono felice.

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: