Tu sei qui
Home > Agropoli > Basket. Givova Scafati – Basket Agropoli: 79-67

Basket. Givova Scafati – Basket Agropoli: 79-67

Periodi: 1Q 15-10; 2Q 26-21; 3Q 19-24; 4Q 19-12.

Givova Scafati: Naimy 9, Johnson 11, Santiangeli 18, Perez 6, Fantoni 5, Crow 12, Baldassarre 5, Ammannato 2, Panzini 11, Matrone. Coach: Markovski.

Basket Agropoli: Santolamazza 15, Taylor 14, Contento 10, Carenza 5, Langford 14, Molinaro 2, Romeo 7, Lucarelli, Amanti, Ndiaye, Silvestri, Lepre.  Coach: Finelli.

Arbitri: Borgo, Ascione, Mottola

Basket Agropoli, il derby campano sorride ai cugini Scafati


Il derby campano non delude le premesse della vigilia e regala un match avvincente e corretto. Il risultato finale sorride ai cugini della Givova che vincono per 79 a 67. Parte meglio la squadra di casa  con Perez e Johnson che segnano un primo parziale di 6-0 a proprio favore. A suonare la sveglia in casa Agropoli, che deve rinunciare all’infortunato Turel, è il capitano Santolamazza, che piazza due splendide triple (15 punti totali). Scafati prova nuovamente ad allungare, ma l’Agropoli c’è e si va al primo riposo sul 15-10. Nel secondo periodo, Taylor trova i primi punti della serata e Romeo va a segno con facilità dal pitturato. Scafati si affida alle “bombe” di Naimy e Baldassarre per tentare un altro allungo (23-16). I cilentani mostrano maggiore imprecisione dalla parte opposta. La Givova trova con Crow i punti del +10 (30-20), mentre la squadra di coach Finelli prova ad accorciare con Contento ed ancora con l’americano ex NBA. I padroni di casa mantengono il vantaggio e vanno all’intervallo lungo sul 41-31. Alle ripresa dei giochi, partenza a razzo dei delfini che si portano sul -2 (42-40), trascinati ancora da Contento e Taylor. Scafati torna a far male dai 6,75 e l’Agropoli risponde con il solito inossidabile Santolamazza. A Taylor tocca, invece, piazzare la tripla che fa calare il sipario sul terzo periodo (60-55). Nell’ultimo quarto, i padroni di casa partono a razzo e scavano un solco di 12 punti (67-55). L’Agropoli non molla e tira fuori gli artigli, ricucendo ancora lo strappo (67-61). Taylor commette il quinto fallo e deve abbandonare il parquet, mentre Langford e Carenza accorciano ancora. Scafati respinge il tentativo di rimonta e fa l’allungo decisivo che consente di chiudere il derby sul 79-67.Dichiarazioni:

Alex Finelli (coach) –  “È stata una bella partita dal punto di vista agonistico e giocata dinanzi una splendida cornice di pubblico. Onestamente, ci abbiamo creduto e provato per quaranta minuti. Per questo motivo, voglio fare in primis un plauso ai ragazzi che non hanno mai mollato ed sono stati in grado di stare in gara fino a tre minuti dalla fine, nonostante un’assenza importante per noi come quella di Turel. Ci sono mancati, infatti, minuti importanti nelle rotazioni. Abbiamo pagato nei primi due quarti un’attacco “spuntato”, nonostante avessimo costruito discrete opportunità. Non siamo riusciti ad entrare in partita dall’inizio, però siamo stati bravi a stare sempre in gara, facendo  una difesa accorta su Naimy e limitando i suoi giochi. Cosa é mancato? Un po’ di brillantezza in attacco, qualche canestro in più, qualche palla persa in meno, e poi abbiamo perso il duello ai rimbalzi. Poi, c’è stato un sanguinoso errore quando eravamo sotto di cinque a tre minuti dalla fine ed avremmo invece dovuto prendere il rimbalzo difensivo, andare a segno e far sentire il fiato sul collo a Scafati. Abbiamo, invece, lasciato un tiro da tre a loro che hanno così chiuso la partita. È un peccato perché, nonostante un’assenza importante per noi, abbiamo dato del filo da torcere ad una squadra come Scafati”.

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: