Tu sei qui
Home > Agropoli > Basket Agropoli – Lighthouse Trapani: 81-91

Basket Agropoli – Lighthouse Trapani: 81-91

Basket Agropoli – Lighthouse Trapani: 81-91

Periodi: 1Q 22-18; 2Q  14-22; 3Q 26-22; 4Q 19-29.Basket Agropoli: Langford  29, Santolamazza 13, Taylor 19, Carenza 10, Turel 2, Contento 8, Molinaro, Romeo, Amanti, Marra, Lucarelli. Coach: Finelli.

Lighthouse Trapani: Mays 11, Scott 25, Ganeto 12, Renzi 14, Tommasini 13, Viglianisi 5, Filloy 11, Nicosia, Amato, Costadura, Simic. Coach: Ducarello.

Arbitri: Gianfranco Ciaglia, Valerio Salustri e Paolo Lestingi


Basket Agropoli, il 2016 si chiude al PalaCilento con una sconfitta contro Trapani


Il 2016 del Basket Agropoli si chiude con una sconfitta casalinga al PalaCilento contro Pallacanestro Trapani per 81-91. La partita, valevole quale ultima del girone d’andata, ha visto i cilentani di coach Finelli cedere il passo ai siciliani solo nei minuti finali. Lo stop, quarto sul parquet amico, non compromette il cammino dei delfini, che giunto al giro di boa con 10 punti. Grande equilibrio nel primo periodo, con Langford e Ganeto protagonisti per i rispettivi roster. Il centro dell’Agropoli infila altri quattro punti e una tripla, rafforzata dai quattro punti di Carenza. Regge il ritmo Trapani con Mays e Renzi per il 15-11. Tommasini e Carenza si annullano dai 6,75 con Scott a trovare i punti dall’area del 18 pari. È ancora Langford ad essere letale nei secondi finali per il 22-18 del primo quarto. Il secondo periodo si apre come il primo: cilentani avanti e Trapani ad inseguire a breve distanza, fino a quando Scott e Renzi non trovano i punti del 28-28. La gara fila via piacevole sui binari dell’equilibrio fino al termine del secondo quarto, che vedeTrapani avanti per 36-40. Al rientro dal riposo lungo, allungano ancora i siciliani, ma Taylor da due, la tripla di Santolamazza e il libero di Carenza riportano tutto in perfetta parità (44-44). L’equilibrio non si spezza per tutto il terzo periodo che va in archivio sul 62-62. Nell’ultimo periodo, i cilentani tentano di mettere la freccia con la tripla di Contento e con i punti di Taylor. Trapani risponde ed il punteggio resta in parità (67-67). Taylor, Filloy e Viglianisi si sfidano e si annullano dell’area, mentre  Scott colpisce con una tripla per il 73-77. Ancora dai 6,75 fa male Trapani per il 76-83. Langford rosicchia qualche punto, ma Filloy segna ancora con una tripla per il 79-86. Santolamazza dalla lunetta mette a referto gli ultimi due punti dei cilentani, mentre Mays sulla sirena segna con una schiacciata i due punti del definitivo 81-91.


Dichiarazioni –

Alex Finelli (coach) – “Ci dispiace dove commentare un risultato negativo perché ci tenevamo tantissimo a tornare alla vittoria, essendo reduci da tre stop consecutivi prima di questa partita. Conoscevamo la consistenza dei nostri avversari e c’è ancora un maggiore rammarico perché eravamo stati bravi ad indirizzare la partita sui binari giusti per noi, limitando i loro punti di forza Mays e Renzi, e giocando una buona pallacanestro. La gara si è decisiva nei minuti finali, purtroppo a favore dei siciliani che hanno piazzato tre triple pesantissime, di cui due consecutive, che ci hanno tagliato le gambe. Questo è il campionato, lo sapevamo che ieri così come lo sappiamo dopo questa partita. Le sconfitte minano sicuramente il morale e la fiducia, ma noi dobbiamo subito resettare questa partita e pensa già alla prossima. Bilancio andata? Con cinque vittorie e dieci sconfitte, siamo perfettamente consapevoli che dobbiamo lottare per evitare l’ultimo posto ed i play-out. Dispiace non aver concretizzato bene le gara casalinghe e sappiamo che il cammino è in salita anche perché è un campionato equilibratissimo ed alcune avversarie si sono anche rinforzate. Dovremo rimboccarci le maniche e continuare a lavorare sodo per evitare la retrocessione.”.

Antonello Scuderi (presidente) – “Siamo dispiaciuti per aver chiuso il 2016 con una sconfitta e soprattutto perché siamo rimasti fermi a quota 10 in classifica. Al di là del risultato, non si può rimprovererà nulla alla squadra perché ha giocato bene. La ruota ci sta girando male e non è purtroppo la prima volta che accade quest’anno. Sappiamo della situazione non semplice, ma non dobbiamo fare drammi perché siamo in piena lotta per poterci salvare ed abbiamo i mezzi per poterlo fare. La squadra è viva ed ha tutte le potenzialità per potersi rialzare e tirarsi fuori da questa situazione. Del resto, lo ribadisco, avremmo meritato qualche punto in più in classifica. Tuttavia, i divari non sono incolmabili e se giochiamo con intensità riusciremo a vincere ed a raggiungere il nostro obiettivo stagionale”.


Antonio Vuolo
Ufficio stampa Basket Agropoli

Comments

comments

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: