Tu sei qui
Home > Agropoli > AGROPOLI FESTEGGIA LA VERGINE CHE VENNE DAL MARE,OGGI E’ LA MADONNA DI COSTANTINOPOLI,NEL POMERIGGIO IMBARCO DELLA MADONNA

AGROPOLI FESTEGGIA LA VERGINE CHE VENNE DAL MARE,OGGI E’ LA MADONNA DI COSTANTINOPOLI,NEL POMERIGGIO IMBARCO DELLA MADONNA

Nico Caruccio agropolese verace ha affidato ad un post su facebook delle riflessioni su cosa è questa festa per gli agropolesi.Lo riportiamo integralmente ricordando  la Santa e solenne processione di oggi a partire dalle ore 18,30 dal Santuario al centro storico a picco sulla rupe.

Oggi, 24 luglio, è un giorno particolare per il ‘semplice’ fatto che sono Agropolese. La processione a mare della Madonna di Costantinopoli (La vergine dei pescatori) è qualcosa di più di un rito; si racconta la storia di una città. Io, con uno spettacolo, ho omaggiato la mia città, raccontando di questo culto, delle storie e degli avvenimenti che hanno coinvolto la vita degli Agropolesi nel corso dei secoli. Lo ritengo un atto di amore per la mia Agropoli. Rasento li patetico per qualcuno, ma dentro di me è forte il sentimento e le sensazioni, specialmente ogni 24 luglio. Io sono grato per essere venuto al mondo ad Agropoli ed essere cresciuto ‘ngopp’Aruópule (Centro Storico). Possono toglierti i rami, ma le radici rimangono lì!!! Ripropongo la canzone principale dello spettacolo, musicata dall’amico e artista Mico Argirò

.
“Quanno r’o mare t’arriva na luce, segui la luce e iuorno se fa;
Pure si l’onde te fann’paura prega a Maria e sereno se fa.
Nun c’è pirata ind’o core re chi prea,
Nun c’è na varca ca ‘nfunno s’annea,
Né piscatore sulo ‘mmiezz’o mare
Se chiamo a Maria e me vene a salvare.
Ra sott’a l’acqua se sente na voce che arriva ‘ncielo passanno p’u core;
E dice alla gente: “Venite, venite, chesta è na storia re popoli auniti.
Nun c’è tristezza si a luna è cumbagna,
E nun c’è scuoglio ca l’acqua nun bagna;
E si ce mettimmo ai lati r’a terra
i stelle so i stesse nun serve sta uerra
sulo ppe ddice ca simmo diversi, sulo ppe ddice ca nun simm’i stessi.
Eppure sta Stella ca stia all’uriente, mo è a’ mamma re tutta sta gente
e pp’na mamma i figli so uguali, ‘mmiezz’e fiuri e ‘nfunn’o mare,
e pp’na mamma i figli so uguali, ‘mmiezz’e fiuri e ‘nfunn’o mare”

Comments

comments

Sergio Vessicchio
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: