Tu sei qui
Home > Agropoli > CAMPANIA,OK AL NUOVO PIANO OSPEDALIERO MA AGROPOLI E’ ANCORA FERMA AL PALO

CAMPANIA,OK AL NUOVO PIANO OSPEDALIERO MA AGROPOLI E’ ANCORA FERMA AL PALO

De Luca vestito da pulcinella.Le sue promesse sull’ospedale di Agropoli si sono rivelate aria fritta anche in virtù del comunicato di ieri.Via libera al nuovo Piano Ospedaliero della Regione Campania, ieri a Roma, nel corso della verifica ministeriale sulle attività della struttura commissariale della Sanità campana.

Lo rende noto un comunicato nel quale viene anche sottolineato che “sono stati registrati importanti risultati”.

“Per quanto riguarda gli adempimenti richiesti, – aggiunge la nota – sono stati sbloccati altri 300 milioni relativi al 2015, che si aggiungono ai 600 milioni già conseguiti per il 2013 ed il 2014. Complessivamente si è riusciti a recuperare da agosto scorso ad oggi, da quando il commissario è Vincenzo De Luca, 900 milioni di euro che erano bloccati da precedenti inadempienze”.

“Nel corso della riunione – è scritto ancora nel comunicato – è stato inoltre verificato il risultato economico positivo del Servizio Sanitario Regionale anche per il 2017 (in continuità con il 2016), e il conseguimento di un sensibile miglioramento del punteggio della griglia LEA 2016 (124 punti rispetto ai 106 del 2015), con la previsione di un ulteriore netto miglioramento dei punteggi sui livelli essenziali di assistenza per il 2017.

Analoga positiva verifica vi è stata sull’avanzamento nella copertura integrale delle perdite residue pregresse del SSR che hanno portato a suo tempo la Campania in piano di rientro”.A sostegno di questo De Luca commissario della sanità campana dovrebbe subito riaprire bene l’ospedale di Agropoli struttura determinante per la salute della gente in un territorio mortificato da diatribe politiche e senza una prospettiva sanitaria in grado di tenere testa alle esigenze della gente.De Luca faccia presto a dotare l’ospedale di Agropoli di reparti e posti letti molto attinenti alle esigenze della zona a partire dal pronto soccorso,primo soccorso e specializzazioni all’altezza della situazione altrimenti raccolga baracca e burattini e vada via perche’ non serve.

 

Comments

comments

Sergio Vessicchio
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: